02 ago
Chiusura Uffici di Segreteria
Si comunica agli iscritti che gli Uffici di
01 ago
Restauro del moderno, il caso del palazzo del Giornale di Sicilia
“Rispettare gli originari progetti del moderno
29 lug
Comunicazione chiusura al pubblico ufficio di segreteria

Si comunica agli iscritti che venerdì 29
18 lug
Questionario “Osservatorio CNAPPC sullo stato della Professione in Italia”.
Il Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori,
11 lug
Concorso di Progettazione: Bando di Cuniola (Ferrara)
CONCORSO DI PROGETTAZIONEProcedura aperta in due
01 lug
AGGIORNAMENTO DEL PREZZARIO UNICO REGIONALE PER I LAVORI PUBBLICI
Pubblicato l'aggiornamento del Prezzario unico
30 giu
BIM: DALLA PROGETTAZIONE AL CANTIERECOM'È CAMBIATA LA FILIERA COSTRUTTIVA

Si comunica agli iscritti che giovedì 30
17 mag 2013

Sentenza 1552/2013
Progettazione di impianti tecnologici
Gli Architetti possono progettare Impianti Tecnologici a completamento del fabbricato in quanto opere di edilizia civile. Il Consiglio di Stato annulla con sentenza 1552/2013 la precedente del Tar Lazio, a cui aveva presentato ricorso l'Ordine degli Architetti di Roma in quanto l’Ispesl, istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza sul lavoro, aveva escluso gli architetti dalla competenza sulla progettazione degli impianti soggetti ad omologazione Ispesl.
 


Nonostante il Tribunale amministrativo avesse respinto il ricorso, il Consiglio di Stato ha esaminato nel merito la suddivisione delle competenze tra ingegneri e architetti in base al Regio Decreto 2537/1925.
Secondo tale Decreto, le competenze degli architetti riguardano le opere di edilizia civile, e il Consiglio di Stato ritiene che in tali opere possano essere inclusi gli impianti.
  

Per il Consiglio di Stato la normativa si è adeguata alle qualificazioni professionali contemporanee. Un criterio dunque estensivo del concetto di edilizia civile, che contempla le realizzazioni tecniche, anche di carattere accessorio, che vengono collegate al fabbricato mediante l’esecuzione delle necessarie opere murarie.
 

In base a tale ratio, l’edilizia civile non comprende solo gli ambiti strutturali, ma anche gli impianti tecnologici che completano il fabbricato, come gli impianti idraulici e termici.
Medesime considerazioni nel caso di ristrutturazione o adeguamento di un edificio esistente, anche quando l’impianto viene progettato successivamente.

Si allega la sentenza.