15 set
Politecnico di Milano
La consulenza tecnica nel procedimento civile, la
02 lug
Arte urbana in Sicilia: diffusione del fenomeno e impatto sui territori

Si comunica agli iscritti che martedì 2
01 lug
Comune di Palermo
Si allega la nota ricevuta dal Comune di
30 giu
Fondazione Inarcassa
Si allegano le comunicazioni relative ai corsi FAD
27 giu
Melting Pot - ARCHI 2000 Per un ritorno all’Ordinario Progetti vari a Bruxelles

Si comunica agli iscritti che giovedì 27
21 giu
Comunicato Stampa
Si allegano i comunicati stampa.
20 giu
PAYSAGE
In occasione dei 100 anni dalla fondazione del
04 ago 2017

Comunicato per gli Iscritti
Mobilitazione Tecnici attività censimento danni sisma centro Italia

RINNOVO RICHIESTA MOBILITAZIONE TECNICI PER LE ATTIVITA’ INERENTI IL CENSIMENTO DANNI – SISMA CENTRO ITALIA


Con riferimento alla circolare n. 96_1682_17 – “Rinnovo richiesta mobilitazione per le attività inerenti al censimento danni - Sisma Centro Italia”, inviata dalla Direzione CNAPPC in data luglio 2017 ai Coordinatori dei Presidi Regionali e Provinciali e ai Consigli degli Ordini degli Architetti, Paesaggisti e Conservatori.


Al fine di dare “un nuovo significativo impulso alla mobilitazione di squadre di rilevatori Aedes e Fast, e completare i sopralluoghi restanti nel tempo più breve possibile, questo Ordine professionale intende richiedere la disponibilità dei Colleghi iscritti per la mobilitazione di squadre di rilevatori volontari AeDES e FAST, per le attività calendarizzate per tutto il mese di Agosto ed il reclutamento di tecnici per le attività di Data Entry fino alla fine di Ottobre.


Per quanto sopra esposto, gli Architetti iscritti che intendono prestare a titolo di volontariato la loro professionalità a favore delle Comunità colpite dal terremoto (evento sismico, 2016) nell’ambito della Protezione Civile e intendono recarsi nelle aree colpite dal sisma per redigere le schede Aedes e Fast, ai fini del censimento dei danni, possono comunicare la loro disponibilità alla Segreteria dell’Ordine, specificando il periodo nel quale intendono prestare il servizio.


Le richieste di accreditamento tecnico e di dichiarazione periodo di operatività unitamente all’accettazione del Codice Etico del Volontario (CEV) del CNAPPC pervenute, all’Ordine di appartenenza, valutate di volta in volta in funzione delle disponibilità richieste alla calendarizzazione, verranno in seguito trasmesse al Centro responsabile Operativo di Competenza.


Nel ribadire che l’Ordine degli Architetti non ha alcuna responsabilità riguardo la mobilità d’impiego nel campo dei tecnici volontari, in quanto dipendenti esclusivamente dalla Struttura di Missione della Protezione Civile, è intendimento riportare qui di seguito informazioni utili di carattere conoscitivo e organizzativo:

“I turni delle squadre – sia Aedes che Fast sono calenderizzati di prassi dal lunedì al sabato, salvo casi particolari connessi alle esigenze del territorio. Sia per i rilievi Aedes che per quelli Fast i tecnici che prendono parte per la prima volta alle attività di sopralluogo sono chiamati a partecipare ad un incontro operativo organizzato presso la sede della Struttura di missione in Rieti (Largo Graziosi, 5)ogni lunedì pomeriggio. Contestualmente all’incontro sarà possibile effettuare le necessarie procedure di accreditamento dei tecnici.


Le squadre di tecnici che hanno già preso parte ai rilievi nel corso di questa emergenza potranno recarsi direttamente presso il Centro di coordinamento regionale di assegnazione, precedentemente concordati con la struttura responsabile”.


I tecnici interessati dovranno essere automuniti, autonomi nella organizzazione della propria trasferta, dotati dell’equipaggiamento e delle dotazioni necessarie, (casco, scarpe antinfortunio, guanti da lavoro, mascherina, macchina fotografica digitale e attrezzi ritenuti utili per lo svolgimento d ogni sopralluogo speditivo); 


  • Le squadre da inviare di volta in volta, dovranno essere formate da due architetti; 
  • Il tempo minimo d’impiego nei luoghi colpiti dagli eventi sismici è di 8 (otto) giorni. (trascorso tale periodo, chi è interessato a proseguire l’attività di rilievo, potrà richiedere una “estensione breve”) “


Ai tecnici mobilitati, una volta cessata l’emergenza, saranno rimborsate le spese di vitto, alloggio e trasferta. In aggiunta a questi rimborsi, solo per chi è stato impiegato per un tempo minimo di 10 giorni, sarà riconosciuta l’indennità di volontario ai sensi dell’art. 9 comma 10 del DPR 194/2001”.


Per tutto quanto non espressamente riportato si fa riferimento alla Circolare n. 96 prot.:0001682 del 21/07/2017 inviata dal CNAPP ai coordinatori dei Presidi Regionali e Provinciali e a tutti i Consigli degli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.