22 ott
Comune di Ravenna
Il Comune di Ravenna ha bandito un concorso di
11 ott
Premio Architetto/a Italiano/a e Giovane Talento dell’Architettura Italiana 2021
Si invitano gli interessati a prendere visione del
06 ott
Consiglio di Disciplina 2021 - 2025
In attuazione dell’art. 8 comma 3 del D.P.R. n.
30 set
Politecnico di Milano
Il Politecnico di Milano organizza la prima
21 set
OAPPC Latina
In data 30 luglio 2021 è stato pubblicato, sulla
20 set
Comune di Piazza Armerina
Il Comune di Piazza Armerina ha avviato una
20 set
Il tram a Palermo
Lunedì 20.09.2021, dalle ore 14:55, si
14 set 2021

 
Vorreisapere - Domande frequenti
SU QUESTA PAGINA LE DOMANDE, E LE RISPOSTE, POSTE CON MAGGIORE FREQUENZA A

Per mantenere un rapporto costante con gli iscritti in questo particolare momento di emergenza sanitaria l’Ordine degli Architetti di Palermo ha istituito un apposito indirizzo di posta elettronica
che potrà consentire ad ogni iscritto di porre domande di chiarimento sull’attuale fase e su tutti i temi complessi che in questo momento interagiscono con l’attività professionale. Le risposte ai quesiti saranno pubblicate, se di pubblico interesse, su questa pagina.
_________________________________

38) Sono un iscritto al solo albo degli Architetti P. P.C. e sono dipendente della pubblica istruzione. Volevo sapere se è possibile nella mia situazione redigere degli atti catastali ( 2 o 3 variazioni docfa non di più)  con la famosa prestazione occasionale, considerando che:
· Sono dipendente della pubblica istruzione e avendo un’altra forma di previdenza non posso essere iscritto a INARCASSA;
· La gestione separata è prevista su redditi eccedenti i 5.000 euro e non sarà il mio caso perché si tratterebbe di cifre molto inferiori;
· Chiederei autorizzazione al dirigente scolastico;
· Le prestazioni avrebbero carattere di saltuarietà e secondarietà.
Sul tema cercando sul web  ho trovato dei pareri da parte di alcuni ordini tra cui quello di Roma del 31/07/2019 e delle risposte del ÇNAPPC (protocollo. 589 del 19/02/2016) che non chiudono le porte a questa forma di prestazione e dicono in buona sostanza che vanno valutate le situazioni caso per caso secondo i requisiti di assenza di abitualità.  Anche il parere del CNI che apriva ad una più ampia possibilità dell’uso della prestazione occasionale a mia interpretazione non sembra sia stato totalmente bocciato dalla nota MEF del 25 febbraio 2015 prot. 4594 che si esprime si in maniera più restrittiva sul tema escludendo la possibilità di superare la soglia dei 5.000 euro e dei 30 gg, specificando nello stesso tempo che “ un  iscritto  all'Albo  che  svolga  attività  professionale, salva  prova  contraria  circa  la  mera  occasionalità  della  singola  prestazione  svolta,  è  tenuto  all'apertura  di una  partita  IVA  ed  alla  obbligatoria  fatturazione  della  prestazione  stessa". Chiedo a codesto spett.le Ordine, se l’attività sopra menzionata di una singola variazione catastale o 2 possono essere considerate mere prestazioni occasionali o in caso contrario cosa devo fare preliminarmente per redigere questi atti..
Il termine "occasionale" non è, in questo ambito, sinonimo di "sporadico". In merito al quesito dà una esaustiva e definitiva risposta la Risoluzione n.41/2020 emessa dall'Agenzia delle Entrate che, dal portale Fiscomania.com, viene qui ben commentata. Se ne consiglia un'attenta lettura al fine di non perseguire procedure che risultano erroneamente praticate da molti iscritti a questo Ordine.

37) Buongiorno, vorrei gentilmente un'informazione, un'architetto iscritto all'Ordine degli Architetti in Lussemburgo, laureato ed abilitato in Italia, può esercitare la libera professione firmando progetti da presentare agli enti pubblici per il rilascio delle relative concessioni ed autorizzazioni in Italia.
Si, nulla osta all'esercizio della professione in Italia per un iscritto all'Ordine del Lussemburgo, a maggior ragione tra l'altro, avendo acquisito il diploma universitario e l'abilitazione in Italia. Il reciproco riconoscimento dei titoli è regolato tra le nazioni europee, nel campo che riguarda la nostra professione, dalla Direttiva 85/384/CEE del Consiglio del 10 giugno 1985 concernente il reciproco riconoscimento dei diplomi, certificati ed altri titoli del settore dell'architettura e comportante misure destinate ad agevolare l'esercizio effettivo del diritto di stabilimento e di libera prestazione di servizi

36) Salve, vorrei delle informazioni in merito all'iscrizione all'Albo. Ho sostenuto e superato l'esame di abilitazione per la professione di Architetto durante l'ultima sessione a Palermo; ed ho scaricato, e preso visione, dal vostro sito il modulo relativo alla domanda d'iscrizione all'Albo da consegnare presso i vostri uffici. Sul mio portale studenti, dell'Università degli Studi di Palermo, è già possibile scaricare l'autocertificazione del titolo di abilitazione e dunque volevo sapere: posso già procedere a presentare la domanda di iscrizione all'albo presso i vostri uffici?
Il caricamento del titolo di abilitazione sul portale studenti rappresenta di fatto il completamento dell'iter-amministrativo o devo aspettare la pubblicazione ufficiale degli elenchi degli abilitati?
SI. Può scaricare i moduli dal sito, compilarli e contattare la Segreteria  per concordare un appuntamento in sede. Mille auguri per la professione che si appresta ad esercitare, bella e impegnativa.
  
35) Sono un neoiscritto e da poco ho aperto la partita IVA e effettuato, come da regolamento, l'iscrizione a Inarcassa. Ma con una collega ci siamo posti una domanda sull'assicurazione professionale. Fatta eccezione il caso delle asseverazioni del Superbonus 110%, per qualunque altra asseverazione (CILA, SCIA, APE che ha come finalità l'accatastamento, pratiche DOCFA...) è necessario avere un'assicurazione professionale? La domanda sembra banale, ma non è poi così scontato e avviandoci piano piano alla libera professione ci domandavamo se fosse necessaria (non mettiamo in discussione la sua utilità, perché lo è di certo e ci tutela). Nel caso in cui fosse necessaria, avete la possibilità di darci dei consigli in merito?
L’architetto, nello svolgimento della propria attività professionale, è costantemente sottoposto a responsabilità civili, amministrative, penali e disciplinari. A tutela del professionista e della committenza, il Dpr 137/2012, cosiddetto “Riforma delle Professioni” ha istituito l'obbligo per chiunque eserciti una libera attività, compresi quindi architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, di stipulare un’assicurazione RC per la responsabilità civile e professionale. L'art.5 infatti così recita: Art.5. Obbligo di assicurazione 1. Il professionista è tenuto a stipulare, anche per il tramite di convenzioni collettive negoziate dai consigli nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti, idonea assicurazione per i danni derivanti al cliente dall'esercizio dell'attività professionale, comprese le attività di custodia di documenti e valori ricevuti dal cliente stesso. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell'assunzione dell'incarico, gli estremi della polizza professionale, il relativo massimale e ogni variazione successiva. 2. La violazione della disposizione di cui al comma 1 costituisce illecito disciplinare. 3. Al fine di consentire la negoziazione delle convenzioni collettive di cui al comma 1, l'obbligo di assicurazione di cui al presente articolo acquista efficacia decorsi dodici mesi dall'entrata in vigore del presente decreto. L'obbligo quindi sussiste “nei confronti del cliente” al momento della ricezione di un incarico; obbligo che decade in assenza dello svolgersi dell'attività. La Riforma delle professioni ha fatto riferimento, in particolare, all'art.3, comma 5 del Decreto Legge 13 agosto 2011, al quale si rimanda, convertito con modificazioni nella legge 148/2011, entrata in vigore il 13 agosto del 2013. Il professionista ha l'obbligo di “rendere noti al cliente, al momento dell’assunzione dell’incarico” (ricordiamo l'obbligo della sottoscrizione del disciplinare d'incarico) “gli estremi della polizza stipulata per la responsabilità professionale e il relativo massimale”. La violazione di tale norma, oltre a costituire illecito disciplinare, per cui si è sanzionati dal Consiglio di disciplina del proprio Ordine, espone a rischi economici non indifferenti il professionista. E' bene sottolineare, infatti, come il massimale cui la polizza fa riferimento, non abbia alcuna relazione con l'importo medio delle opere della propria pratica quotidiana; i danni che potrebbero derivare al cliente, e non solo , sono infatti di altra natura e di altro rango; basti citare il danno che ne deriva da una errata interpretazione di una norma contenuta in un piano regolatore o dal malaugurato caso di grave incidente ad un operaio, per incuria del DL o per omesso controllo del CSE, anche nel caso di una piccola ristrutturazione, solo per fare qualche esempio.
E' il regime di libero mercato che consente ad ogni architetto di vagliare le offerte assicurative, valutare  preventivi e condizioni, e stipulare l’assicurazione che meglio si attagli alle proprie esigenze. E' bene sapere, per le proprie risoluzioni,  che Inarcassa, ente di previdenza di ingegneri ed architetti, ha stipulato una convenzione assicurativa, che è il caso di conoscere e approfondire, che vede quale controparte la Assigeco di Milano, coverholder della inglese Lloyd’s.

34) Buongiorno, sono un laureato della sessione di marzo 2020 e, come altri colleghi, sosterrò l'esame di Stato per l'abilitazione alla professione nella prima sessione del 2020. Volevo pertanto avere qualche delucidazione sulla data di svolgimento della prova, se si terrà a giugno o a luglio. Vorrei inoltre avere se è possibile qualche informazione sullo svolgimento dell'esame, considerando che sarà solo una prova orale, diversamente dalle precedenti sessioni.
Rimandiamo al DM n.38 del 29 aprile 2020, con particolare riferimento all'art.1 che differisce i termini della prima sessione degli esami di Stato e al DM n.57 del 29 aprile 2020 che prescrive che l’esame venga costituito, per la prima sessione dell’anno 2020, da un’unica prova orale svolta con modalità a distanza. In merito allo svolgimento sarà la Commissione a chiarirne i termini.

33) Vorrei partecipare ad un concorso pubblico per titoli ed esami, per Assistente Tecnico Geometra. Tra i requisiti di ammissione indicati sul bando è richiesto il  Diploma di istruzione secondaria superiore di Geometra conseguito presso un istituto tecnico per    geometri statale, paritario o legalmente riconosciuto ovvero in possesso del diploma afferente al settore “Tecnologico” indirizzo “Costruzioni, Ambiente e Territorio” di cui al DPR 88/2010 o altro titolo di studio equipollente ai sensi di legge o titolo di studio assorbente e l'Iscrizione all’ Albo Professionale dei Geometri o dei Geometri Laureati. Pur non essendo in possesso del diploma istruzione secondaria superiore di Geometra, né dell'Iscrizione all'Albo Professionale dei Geometri o dei Geometri Laureati, ho conseguito la Laurea Magistrale in Architettura LM4, e sono iscritta all'Ordine degli Architetti, Paesaggisti e Pianificatori della Provincia di Palermo, Sez. A, Sett. A. Vorrei conferma per sapere se i miei titoli sono considerati assorbenti rispetto a quelli richiesti per l'ammissione al concorso, in particolare per quanto riguarda l'Iscrizione all'Albo.
E' bene precisare come debba considerarsi necessaria e indispensabile l'assistenza di un legale per questioni come quella esposta. La risposta, comunque, sembrerebbe affermativa; viene in soccorso la Sentenza del Tar Basilicata n.72/2013 che ha sancito come, quando un bando di concorso preveda, come requisito di ammissione, il Diploma di Geometra, vada ammesso al concorso anche il candidato in possesso della Laurea in Ingegneria o della Laurea in Architettura.
Si veda anche  TAR Abruzzo, Pescara, sez. I, 9.5.2008, n. 463, sull’assorbimento del diploma di geometra nella laurea in architettura. Va da sè inoltre che venga assorbito il criterio di iscrizione al proprio Albo professionale.

32) In questo perodo di forzoso confinamento vengono offerti numerosi corsi, seminari, eccetera da parte di operatori privati (Imprese, Società di Consulenza, Produttori, ...) che risultano interessanti nelle tematiche trattate e agili nella gestione (1-2 ore). Avendone seguiti alcuni, vorrei acreditarli come CFP "Autocertificazione" (1-2 crediti, secondo la durata riscontrable sulla locandina), ma le opzioni offerte non consentono di riscontrare questa possibilità. Vorrei istruzioni in merito, essendo le opzioni indicate con asterisco, dunque obbligatorie.
Se i seminari sono stati seguiti tramite enti terzi accreditati al CNAPPC , non è necessario caricare su Im@teria l’autocertificazione poiché sarà l’Ente stesso a riconoscere i cfp. Se  l’Ente non è accreditato  li può inserire tra le certificazioni, delle quali verranno riconosciute per un massimo di 5 cfp per anno. 

31) Vorrei partecipare ad un concorso, per l'accesso al quale è richiesta la laurea in ingegneria gestionale. Vorrei pertanto sapere se la laurea in architettura sia equipollente con quella in ingegneria gestionale, che dovrebbe far parte della macroarea "ingegneria civile".
Nel segnalare la Sentenza 20/03/2004 n. 469 del TAR Torino (Ai fini dei concorsi pubblici la laurea in ingegneria edile è equipollente a quella in ingegneria civile e a quella in architettura) la rinviamo alla pagina del MIUR relativa alla equipollenze tra titoli accademici italiani ai fini della partecipazione ai concorsi pubblici 

30) Buongiorno, desideravo sapere se è possibile effettuare un sopralluogo in abitazione privata, finalizzato al rilievo di immobile, per la presentazione di pratica al S.U.E., alla luce della normativa sopravvenuta all’emergenza COVID 19. Lo spostamento per il sopralluogo, dovrà essere effettuato dal mio studio sito a Palermo, verso un immobile sito pure a Palermo.
Con le raccomandazioni contenute nel Dpcm dell'11 marzo vengono mantenute le attività (Codice ATeco 71) "degli studi di architettura e d'ingegneria; collaudi ed analisi tecniche". Il decreto, inoltre, restringe la possibilità di spostamenti in questi termini: «È fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute».

29) Vi invio questa e-mail per sapere se posso richiedere l'indennità di 600 euro emergenza essendo iscritto all'Ordine degli architetti ma senza Partita Iva e quindi senza iscrizione ad Inarcassa.
Architetti e altri professionisti iscritti agli Albi professionali hanno diritto all’indennità se iscritti a una Cassa di previdenza.

28) Vorrei sapere come poter richiedere in questo periodo certificato di iscrizione all’Albo e quanto tempo necessita per il rilascio.
Premesso che, ai sensi del d.p.r. 445/2000, dal 1 gennaio 2012 agli Uffici pubblici è vietato rilasciare ai privati certificati da esibire ad altre pubbliche amministrazioni (per cui è valida l’autocertificazione), dovendo comunque richiederlo è necessario inviare un bonifico di 33 euro per due marche da bollo da 16 (una da applicare nell’istanza di rilascio di certificato in Bollo e l’altra da applicare sul certificato) e 1 euro per costo certificato all''Ordine, IBAN IT68O0200804657000101768716. La segreteria predisporrà il certificato e lo trasmetterà al richiedente via PEC

27) Sono iscritta all'Ordine degli Architetti. Purtroppo ho dovuto chiudere tempo fa la partita iva a causa della crisi che attraversa il nostro settore. Non credo di poter fare richiesta del contributo di 600€, giusto? Oppure ne avrei diritto riaprendo la partita iva adesso?  Tale soluzione  al momento mi sembra improponibile, visto il periodo di ancora maggiore crisi, ma mi chiedo: potrebbero valere tutti gli anni di iscrizione passati?
Tra i requisiti per l'ottenimento del bonus una tantum di 600 euro non rientra il numero di anni di iscrizione ma esclusivamente l'iscrizione ad Inarcassa alla data della richiesta o al 23 febbraio 2020

26) Volevo iscrivermi al seminario sul restauro del 28 p.v. ma nonostante la disponibilità di 55 posti, sul portale è indicato "Il corso non ammette più iscrizioni". Potreste indicarmi eventuali soluzioni per l'iscrizione?
In considerazione dell'emergenza di questi giorni, non essendo possibile la partecipazione diretta a corsi e convegni, tutti gli Ordini provinciali italiani hanno concordato di riservare posti, oltre che ai propri anche ad altri iscritti. Per questa ragione, nel caso in esame, 55 posti sono riservati a chi non è iscritto al nostro Ordine; "riservati" ma non necessariamente già "prenotati". Contattando la segreteria, all'indirizzo  architetti@palermo.awn.it, o chiamando il 334 8350129, è possibile entrare a far parte della lista di attesa. 

25) Mi sono iscritto l'anno scorso, sulla piattaforma Imateria ad un evento formativo FAD asincrono, le cui iscrizioni sono state, a suo tempo,  chiuse, posso ancora frequentare il corso?
Si, è possibile la partecipazione a tutti coloro che si sono iscritti in tempo

24) Vorrei sapere se la segreteria ha cambiato orari oppure è chiusa.
Il servizio di assistenza continuerà ad essere garantito attraverso i consueti canali - mail e telefono - e il personale di segreteria potrà essere contattato dal lunedì al l venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 ai numeri 347-3405535 e 334-8350129

23) Sono registrato al portale Inarcassa on Line ma non riesco ad entrare nel sito, in quanto ho smarrito il PIN e la PASSWORD. Spero che Voi possiate aiutarmi in qualche modo
La procedura per recuperare Pin e Password è semplice, basta andare su questo link e compilare i dati richiesti.

22) Ho seguito in questo mese diversi corsi di formazione. Qual è la modalità per accreditarli?
L'accredito è automatico se divulgato attraverso la piattaforma Im@teria; in caso contrario è necessario autocertificare i CFP acquisiti mediante la procedura fornita, all'interno del sito Im@teria, dal menu "Autocertificazione formativa" (al momento disabilitato)

21) Ho presentato in qualità di titolare di P. IVA, la domanda di iscrizione ad inarcassa in data 30 marzo 2020 inviando l'apposito modulo via PEC, non mi hanno dato alcuna risposta nè fornito il numero di matricola necessario per accedere ai servizi on line, devo comunicare qualcosa all’Ordine?  No
Inarcassa aspetta forse di ricevere qualche dato dall’Ordine? No

20) Il 3 Marzo ho fatto richiesta d'iscrizione ad Inarcassa; chiamando il call center, l'operatore mi ha detto che tutte le richieste saranno evase tra un mese e mezzo due mesi, facendo così venire meno la possibilità di richiedere il contributo di 600€, fondamentale in  questo momento di crisi. Vorrei sapere se è possibile fare un sollecito in modo da potere aderire per tempo.
Riteniamo sia possibile sollecitare la segreteria di Inarcassa affinche porti presto a buon fine l'iter necessario all'iscrizione. Il corretto destinatario della sua richiesta è proprio l'Ente di previdenza, chiami il 
call center allo 02 91979700

19) Vorrei sapere se è sufficente l'nserimento dell'istanza su imateria per ricevere i crediti con autocertificazione per mostre,  visite ecc  o è necessario inviare anche una pec a voi
E' sufficiente l'inserimento su iM@teria

18) Ho già pagato la quota di iscrizione di quest'anno, è prevista l'attribuzione di un indirizzo di posta elettronico certificata PEC?
Si, è prevista l'attribuzione di un indirizzo pec su dominio archiworldpec.it, contatti la segreteria tramite email a architetti@palermo.awn.it

17) Per il conseguimento dei CFP posso seguire i corsi che trovo su Imateria erogati da altri ordini provinciali?
Si, è possibile conseguire CFP con tutti i corsi pubblicati su iM@teria 

16) Desidero sapere se posso rateizzare le tasse dell'Ordine.
Si, è possibile; è necessario contattare la segreteria all'indirizzo architetti@palermo.awn.it

15) Vi vorrei porgere un quesito. Se non erro è stato prorogato a giugno il recupero dei crediti formativi relativi agli anni passati. A causa del covid 19 sono state bloccate tutte le attività di formazione è ciò rende impossibile tale recupero. Sarà consentito un ulteriore slittamento dei termini per recuperare i cfp degli anni precedenti? 
Il Consiglio nazionale ha deliberato la proroga del semestre di ravvedimento operoso per l’aggiornamento e sviluppo professionale continuo; la nuova scadenza è stata fissata al 31 dicembre 2020. Qui il link per leggere la Circolare n.22 del 10 marzo emanata dal CNA

14) Vorrei sapere se è possibile che questo Ordine Professionale, dunque in forma autonoma, si faccia promotore di istanza ai presidenti dei singoli tribunali provinciali (Palermo e Termini Imerese), affinché possano prevedere la liquidazione da parte dei giudici, delle parcelle professionali dei consulenti tecnici d’ufficio e degli esperti estimatori, pendenti nei processi telematici.
Questo Ordine sta già provvedendo con una richiesta formale a sollecitare l'autorità giudiziaria. Allo stesso modo con l'Amministrazione regionale per accreditare ai Comuni le somme dei finanziamenti in corso per liquidare i costi dei lavori eseguiti e le prestazioni professionali
 
13)Ho ottenuto il pensionamento in data 1° dicembre 2019, rimanendo iscritto all'ordine e continuando a pagare i contributi all'Inarcassa in misura del 50%. Vi chiedo se ho i requisiti per inoltrare la domanda in merito al sussidio una tantum
Dai beneficiari del sussidio sono esclusi i titolari di pensione Inarcassa; rimandiamo, in ogni caso, ogni ulteriore precisazione direttamente alla fonte: tra i contatti, il call center Inarcassa allo 02 91979700

12) Chi non ha la regolarità contributiva può chiedere il sostegno statale di € 600?
Dal sito Inarcassa: "La platea dei beneficiari è costituita da tutti i professionisti che siano iscritti a Inarcassa alla data della richiesta o al 23 febbraio 2020 (data di attivazione dei provvedimenti restrittivi da parte del Governo).
Hanno diritto all’indennità anche coloro che hanno presentata domanda di iscrizione ma il cui provvedimento sia in corso, se la decorrenza di iscrizione è fissata in data antecedente il 1° aprile 2020.
Sono esclusi i titolari di pensione Inarcassa e di altro ente. Per analogia a quanto sopra riportato  sono esclusi i pensionandi, vale a dire coloro che hanno presentato domanda di pensione, avendone i requisiti, e il cui provvedimento di liquidazione sia in corso."
A differenza della prima bozza di decreto attuativo, il testo definitivo  non contiene il requisito della regolarità in materia di obblighi contributivi.

11) Posso svolgere, parallelamente alla mia attività di libero professionista, il ruolo di responsabile tecnico, nel rispetto della normativa vigente D.M. 37/2008 ex L. 46/90, a seguito di una proposta ricevuta da un Artigiano,Titolare di una Ditta Individuale, precisamente installatore di Condizionatori d'aria, pompe di calore, etc.   
Il Decreto MISE 37/2008, all'art.3, comma 2, prescrive espressamente che "Il responsabile tecnico (..) svolge tale funzione per una sola impresa e la qualifica è incompatibile con ogni altra attività continuativa", come la libera professione. 

10) Rientra fra i requisiti per la richiesta di 600 euro, per il mese di marzo, essere  inscritto all'Ordine degli Architetti pur non avendo Partita Iva
Il requisito necessario, ma non sufficiente, non è essere iscritto all'Albo ma ad Inarcassa o all'Inps

9) Ho deciso a fine 2018 di chiudere la partita Iva e cancellare la mia iscrizione ad Inarcassa. Sono rimasto regolarmente iscritto all'Ordine degli Architetti di Palermo. Pertanto svolgo attività professionale in modo occasionale emettendo apposita ricevuta. Vorrei sapere, se anch'io in tale posizione potrei richiedere il Bonus di €600 che lo Stato ha predisposto mediante Inps.
In merito si riscontra una diffusa disinformazione: L'iscritto all'Ordine professionale  non può emettere ricevute di prestazione occasionale. L’art. 61 del D. Lgs. 276/2003 definisce quali prestazioni occasionali i rapporti di durata complessiva non superiore, nell’anno solare, a 30 giorni con lo stesso committente ed un compenso complessivo annuo, percepito dallo stesso committente, non superiore a € 5.000. Il comma 3 esclude da tali prestazioni i professionisti iscritti agli Albi di appartenenza che pertanto sono obbligati ad aprire la Partita Iva e rispettare, a meno di non incorrere nel reato di evasione, i conseguenti obblighi fiscali: emissione fattura inserendo contributo alla cassa professionale, Iva e detrazione per ritenuta d’acconto ove ricorrano.

8) Vorrei sapere quale modulo si deve compilare per avere il reddito di 600,00 euro. Se attraverso Inarcassa o INPS.
Dipende dall'Istituto di previdenza al quale si è iscritti

7) Iscritta all'ordine lo scorso mese di settembre  non ho ancora aperto la partita iva. Ho anche comunicato ad Inarcassa l'esonero all'iscrizione alla stessa  proprio per mancanza di partita IVA.Vi scrivo quindi per chiedere se ho diritto all'indennità di 600 euro e se si, con chi? con Inarcassa o con l'INPS?
Inarcassa - Può beneficiare del sussidio una tantum di 600 euro il professionista che sia iscritto a Inarcassa alla data della richiesta o al 23 febbraio 2020 (data di attivazione dei provvedimenti restrittivi da parte del Governo).
Hanno diritto all’indennità anche coloro che hanno presentata domanda di iscrizione ma il cui provvedimento sia in corso, se la decorrenza di iscrizione è fissata in data antecedente il 1° aprile 2020.
INPS - Il sussidio è emesso in favore di:
  • liberi professionisti titolari di partita iva attiva al 23 febbraio, che non siano titolari di pensione né iscritti ad altre forme di previdenza obbligatorie;
  • lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa attivo al 23 febbraio, che non siano titolari di pensione né iscritti ad altre forme di previdenza obbligatorie;
  • lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni speciali dell’AGO, che non siano titolari di pensione né iscritti ad altre forme di previdenza obbligatorie (sono compresi anche gli iscritti alla gestione autonomi commercianti oltre che alla previdenza integrativa obbligatoria presso l’Enasarco);
  • lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, che non siano titolari di pensione diretta e non abbiano rapporti di lavoro al 17 marzo 2020;
  • lavoratori del settore agricolo purché abbiano svolto nel 2019 almeno 50 giornate di effettivo lavoro agricolo e non siano titolari di pensione diretta;
  • lavoratori dello spettacolo non titolari di trattamento pensionistico diretto, con almeno 30 contributi giornalieri versati nell’anno 2019 allo stesso Fondo pensioni Lavoratori dello spettacolo, corrispondenti a un reddito non superiore a 50.000 euro.
6) Mi necessitava sapere se l'Ordine si è attivato per un corso di aggiornamento, in FAD, sulla prevenzione incendi al fine di mantenere il diritto di iscrizione nell'elenco dei professionisti del M.I
Il corso di aggiornamento in prevenzione incendi, nonostante le quattro richieste di manifestazioni di interesse inviate agli scritti dall’Ordine nel corso degli scorsi 12 mesi, non ha raggiunto il numero necessario per essere attivato. I pochi iscritti sono stati dirottati al corso dell’Ordine dei periti, che avrebbe avuro inizio il 5 marzo, se non fossero sopraggiunti gli eventi che conosciamo. Anche il corso base di 120 ore, organizzato dal nostro Ordine doveva partire il 9 marzo ma non è stato possibile . Per l’attivazione in modalità fad sincrono, abbiamo già contattato, e siamo in attesa di risposta, il Comando dei Vigili del fuoco per predisporlo insieme. Pubblichiamo qui la Circolare n. 43_31 marzo 2020
"Differimento e proroga scadenze in materia di sicurezza antincendio", emessa dal CNA.

5) Attualmente ho in corso una rateizzazione relativa alla tassa dell'Ordine, poiché impossibilitata a recarmi presso i vostri uffici in seguito alle ristrettezze dettate dal decreto del Ministero dell'Interno  inerenti al Covid 17, volevo sapere come fare per predisporre la cancellazione dall'Ordine degli architetti.
La procedura da seguire è la definizione, così come concordato, della rateizzazione di ogni incombenza e successivamente chiedere, via pec, la cancellazione dall'Albo.

4) Volevo sapere se sono stati bloccati i corsi di formazione obbligatori
La sede dell'Ordine è chiusa per il divieto di assembramento cui agli ultimi Decreti. La scadenza del periodo di moratoria è stata comunque prorogata a fine anno. Sul sito iM@teria è possibile trovare diversi corsi da seguire da on line.

3) Buongiorno, vorrei sapere se la Soprintendenza di Palermo, sezione paesaggistica, ha attivato la modalità di smart working, e se ha una mail a cui fare riferimento. Ho provato a chiamare agli uffici ma non risponde nessuno
In Soprintendenza, ci risulta per le vie brevi, è stato adottato  un sistema di smart working. L'email cui fare riferimento, per la sezione paesaggistica è  sopripa.uo3@regione.sicilia.it. La pec, per inoltro delle istanze, è sopripa@certmail.regione.sicilia.it

2) Vorrei sapere quale modulo si deve compilare per avere il reddito di 600,00 euro.
Se iscritto Inarcassa è sufficiente collegarsi attraverso la pagina Inarcassa on line con il proprio account. Se sotto gestione Inps, è necessario andare su inps.it, al momento (le 14:30 del 1/4/2020) non disponibile. 

1) Buongiorno. vorrei sapere se, vista la situazione, sono previste iniziative volte a proporre corsi di aggiornamento professionale in modalità fad asincrono
Si, l'Ordine si sta attivando in tal senso, il punto è all'ordine del giorno del prossimo Consiglio, che si svolgerà in video conferenza