15 gen
Ministero Beni e Attività Culturali e Turismo
È online, sul sito dedicato e sui siti
07 gen
OAPPC Arezzo
Iil Consiglio dell'Ordine di Arezzo ha deliberato
31 dic
OAPPC Treviso
L’Ordine degli Architetti P.P.C. di Treviso, in
15 dic
Ministero Beni e Attività Culturali e Turismo
Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e
11 dic
OAPPC Reggio Emilia
Le informazioni relative al corso di alta
09 dic
UNIFE
Sono aperte le iscrizioni alla VIII Edizione del
03 dic
Gli sconti Inail alle imprese che investono in sicurezza

Si comunica agli iscritti che giovedì 3
07 gen 2021

OAPPC Arezzo
Concorso di idee
Iil Consiglio dell'Ordine di Arezzo ha deliberato di prorogare i termini del "Concorso di idee: Centri minori - Nuovi territori".

Si allega a tal proposito il prospetto dei termini aggiornato.

Cogliamo l’occasione per ricordarvi che il Concorso di idee è stato bandito all’interno della manifestazione “Festival dell’Architettura”, che avrebbe dovuto svolgersi ad Arezzo nel prossimo mese di novembre, ma che, alla luce dei recenti DPCM emanati per il contenimento della diffusione del virus COVID-19, il Consiglio dell’Ordine, prendendo atto di tali disposizioni, si è veduto costretto a rinviare a data da destinarsi.


Nell’ambito del “Festival dell’Architettura” che si terrà ad Arezzo nel mese di novembre p.v., l’Ordine degli Architetti PPC ha bandito il concorso di idee “CENTRI MINORI | NUOVI TERRITORI”.

Oggetto del concorso è la proposta di progetto di recupero di uno o più tra i quattro borghi scelti all’interno del territorio aretino:
Monterone (Comune di Sestino),
Pierle (Comune di Cortona),
Rosina (Comune di Chitignano) e
Trappola (Comune di Loro Ciuffenna),
che sono caratterizzati da una profonda interconnessione con il territorio circostante, tanto bello quanto duro e difficile da vivere secondo i criteri abitativi attuali e che, proprio per questo, hanno subito un inarrestabile processo di spopolamento.

L’attrattività dei borghi è un tema di grande interesse per la riscoperta di uno stile di vita che si fonda sulla concretezza del passato ed allo stesso tempo deve necessariamente proiettarsi verso un futuro caratterizzato da nuove tecnologie digitali e di comunicazione.

L’analisi strategica dei punti di criticità che inibiscono tale processo, e di quelli di possibile forza, che al contrario ne determinerebbero una proficua applicazione, rappresentano il tema del concorso.

L’obiettivo è quello di ricercare nuovi modelli urbani, economici, sociali, infrastrutturali e di relazione che potrebbero offrire possibilità alternative di questi luoghi, arrestandone la tendenza all’abbandono e al declino.

Vanno ricercati quegli strumenti innovativi e strategici che sappiano innescare un processo virtuoso di attrattività delle piccole realtà urbane, che uniscano l’abitare con il lavoro, che consentano la rinascita dei borghi rendendoli più autonomi dal punto di vista dei servizi, unendo la qualità della vita propria dei borghi con le necessità del vivere contemporaneo.

La domanda quindi è… cosa proporre e come intervenire per far si che ciò avvenga?

Tutta la documentazione è consultabile e scaricabile al seguente link